logo giallo ombra2

la tua passione ar dado

 

I numeri ci danno ragione...........

grafiuco2  

I numeri ci danno ragione e ci incoraggiano a fare sempre meglio , desideriamo ringraziarvi per l'interesse che avete rivolto al sito , avete ripagato il nostro impegno facendo impennare la popolarità del sito a livelli che superano quelli medi. Quando partimmo per questa splendida avventura con camperfaidate , non sapevamo dove saremmo potuti arrivare :ed eccoci qua.Fin dall'inizio,ci siamo posto un obbiettivo: realizzare uno strumento che sapesse  leggi tutto.......

lavagna

leggi-faidate

Come inviare la descrizione e foto del vostro lavoro:*Potete inviarci una e-mail allegando, un testo con foto, oppure semplicemente dei file di testo ,in qualsiasi formato (pdf-word-rtf-ecc. ecc.), con foto inserite direttamente nel documento,penseremo noi ad adattarlo alle pagine del sito  leggi tutto.......

AQUA8 LA RIPARAZIONE CHE NON C' E' CONCESSA

30-07-2013 Hits:17720 Per saperne di piu' Anonimo

Forse o sicuramente avete capito dal titolo che questo che vi sto per esporvi non è altro che uno sfogo e il rammarico di una riparazione che non è possibile realizzare, anzi mi spiego meglio si puo' realizzare ma con l'esborso di 40 euro per la sostituzione dell'intero corpo centrale , a dispetto dei pochi centesimi che potrebbero costare solo i componenti rotti............

Leggi tutto

MODIFICHIAMO IL MOTORIDUTTORE TERGICRISTALLI

26-02-2000 Hits:2041 Per saperne di piu' Anonimo

In queste righe vi mostro come modificare elettricamente il motoriduttore tergicristalli , presente come il sale in ogni minestra, vedi su questo sito parabola autocostruita ,piedini di stazionamento elettrici ,elevatore per antenna cb, porta tv motorizzato, apertura valvola di scarico, ecc ecc .In alcuni di questi lavori ho notato che l'autore lo ha isolato........ 

Leggi tutto

novita dal sito ble l 

  

I LED- IMPIEGO NELL'ILLUMINAZIONE


Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

 

Impiego nell'illuminazione

I LED sono sempre più utilizzati in ambito illuminotecnico in sostituzione di alcune sorgenti di luce tradizionali. Il loro utilizzo nell'illuminazione domestica, quindi in sostituzione di lampade ad incandescenza, alogene o fluorescenti compatte (comunemente chiamate a risparmio energetico), è oggi possibile con notevoli risultati raggiunti grazie alle tecniche innovative sviluppate nel campo. Attraverso i nuovi studi, infatti, l'efficienza luminosa quantità di luce/consumo (lm/W) è stato calcolato di un minimo di 3 a 1. Fondamentalmente, il limite dei LED per questo tipo di applicazione è la quantità di luce emessa (flusso luminoso espresso in lumen), che nei modelli di ultima generazione per uso professionale si attesta intorno ai 120 lm, ma che nei modelli più economici raggiunge solo i 20 lumen. Una lampada ad incandescenza da 60 W emette un flusso luminoso di circa 550 lumen, in merito a questa tipologia di lampada, una normativa della Comunità Europea ne prevede nell'arco di 7 anni, a partire dal 1-9-2009 il divieto di vendita in tutti i paesi della comunità, graduandone annualmente il divieto in base alla potenza in watt.

Il loro utilizzo diventa invece molto più interessante in ambito professionale, dove l'efficienza luminosa pari a 40-60 lm/W li rende una sorgente appetibile. Come termine di paragone basti pensare che una lampada ad incandescenza ha un'efficienza luminosa di circa 20 lm/W, mentre una lampada ad alogeni di 25 lm/W ed una fluorescente lineare fino a 104 lm/W. Altro loro limite nell'illuminazione funzionale è che le loro caratteristiche di emissione e durata sono fortemente condizionate dalle caratteristiche di alimentazione e dissipazione. Diventa dunque difficile individuare rapporti diretti tra le varie grandezze, tra le quali entra in gioco anche un ulteriore parametro, ovvero l'angolo di emissione del fascio di luce, che può variare in un intervallo compreso tra circa 4 gradi e oltre 120.

Led ad alta luminosità in tecnologia SMT

Dal punto di vista applicativo i LED sono ad oggi molto utilizzati quando l'impianto di illuminazione deve avere le seguenti caratteristiche:

  • miniaturizzazione
  • colori saturi
  • effetti dinamici (variazione di colore RGB)
  • lunga durata e robustezza
  • valorizzazione di forme e volumi

Concludendo, i vantaggi dei LED dal punto di vista illuminotecnico sono:

  • durata di funzionamento (i LED ad alta emissione arrivano a circa 50.000 ore)
  • assenza di costi di manutenzione
  • elevato rendimento (se paragonato a lampade ad incandescenza e alogene)
  • luce pulita perché priva di componenti IR e UV
  • facilità di realizzazione di ottiche efficienti in plastica
  • flessibilità di installazione del punto luce
  • colori saturi
  • possibilità di un forte effetto spot (sorgente quasi puntiforme)
  • funzionamento in sicurezza perché a bassissima tensione (normalmente tra i 3 e i 24 Vdc)
  • accensione a freddo (fino a -40 °C) senza problemi
  • insensibilità a umidità e vibrazioni
  • assenza di mercurio
  • durata non influenzata dal numero di accensioni/spegnimenti

Assorbimento

Per quanto riguarda gli assorbimenti, questi variano molto in funzione della tipologia, sono minori nei LED normali usati come indicatori rispetto a quelli ad alta luminosità (led flash e di potenza), secondo la seguente tabella:

Tipologia LED

Assorbimento (mA)

LED basso consumo

3 - 10

LED normali

10 - 15

LED flash

20 - 40

LED di potenza

350 - 1000

Caratteristiche tecniche

I LED devono essere alimentati a corrente costante e questo può essere fatto utilizzando un generatore di corrente o, più semplicemente, ponendovi in serie una resistenza per limitare la corrente per una data tensione di alimentazione. La corrente può variare da 5-6 mA fino a 20 mA quando è richiesta molta luce. Il valore dipende anche dalla lunghezza d'onda della luce emessa dal LED.

Il valore della resistenza in serie Rs è calcolato mediante la legge di Ohm e la legge di Kirchhoff conoscendo la corrente di lavoro richiesta If, la tensione di alimentazione Vs e la tensione di giunzione del LED alla corrente di lavoro data, Vf .

Nel dettaglio, la formula per calcolare la resistenza in serie necessaria è:

che ha come unità di misura

che si dimostra considerando il LED come una seconda resistenza di valore , e ponendo Vs uguale alla somma delle tensioni ai capi della resistenza e del LED:

quindi

da cui la formula di cui sopra.

 

Esempio: ipotizzando Vs = 12 volt, Vf = 1{,}8 volt e I = 20 mA si ha

In linea generale, quando non si possiede il datasheet specifico, si può considerare per i LED consueti di diametro 5 mm una tensione Vf pari a circa 2 V ed una corrente di lavoro If prudenziale di 10-15 mA, fino a 20 mA. Valori superiori di corrente sono in genere sopportati, ma non assicurano un funzionamento duraturo. Quindi, secondo la suddetta formula, la resistenza dovrà essere compresa tra questi due valori:

(valore standard = )

 (valore standard = )

Per i LED di tipo flash, per i quali come si è detto la corrente può variare tra 20 e 40 mA, i valori minimo e massimo della resistenza saranno 250 e 500 (valori standard 270 Ohm e 470 Ohm).

Poiché i LED sopportano una bassa tensione inversa (solo pochi volt), se vengono alimentati a corrente alternata occorre proteggerli ponendovi in parallelo un diodo con polarità invertita rispetto al LED ("antiparallelo"). Non è consigliabile inserire un diodo in serie per due motivi: in primo luogo la tensione di alimentazione dovrebbe essere superiore alla somma delle due tensioni di giunzione. In secondo luogo, la tensione si può ripartire sui due diodi in modo da superare comunque la tensione inversa sopportata dal LED.

In qualche caso si può usare un ponte di quattro diodi per assicurare che una corrente diretta scorra sempre attraverso il LED. In questo caso saranno sempre interessato due diodi e quindi la tensione d'alimentazione dovrà sempre essere superiore al doppio della tensione di giunzione.

Se si vuole alimentare un LED con la tensione di rete, senza che il nostro circuito dissipi troppa energia nella resistenza in serie, si può usare un circuito costituito da un condensatore collegato in serie ad una sezione, che consiste nel LED in parallelo ad un diodo di protezione, (con polarità invertita per limitare la tensione inversa) e al tutto seguirà ancora in serie, una resistenza di protezione, che serve a limitare la scarica all'accensione (di valore un decimo della reattanza del condensatore alla frequenza di rete). Il valore della capacità del condensatore dipenderà dalla reattanza (Impedenza) che lo stesso dovrà presentare alla frequenza di rete per far scorrere la voluta corrente (If) nel LED.

La massima quantità di luce che può essere emessa da un LED è limitata essenzialmente dalla massima corrente media sopportabile, che è determinata dalla massima potenza dissipabile dal chip, i recenti dispositivi progettati per impieghi professionali hanno una forma adatta ad accogliere un dissipatore termico, assolutamente necessario per smaltire il calore prodotto: sono ormai in commercio LED a luce bianca con potenza di 10 watt e corrente assorbita di 1 ampere. Quando sono richiesti valori d'uscita più alti normalmente si tende a non usare correnti continue, ma ad usare delle correnti pulsanti con duty cycle scelto in maniera opportuna. Ciò permette alla corrente e, di conseguenza, alla luce di essere notevolmente incrementate, mentre la corrente media e la potenza dissipata rimangono nei limiti consentiti.

Polarizzazione di un diodo LED

Solitamente il terminale più lungo di un diodo led (diametro package 3 mm, 5 mm o superiori) è l'anodo (+) e quello più corto è il catodo (-).

Per polarizzare correttamente un diodo LED possiamo usufruire inoltre di una caratteristica particolare del package: se si guarda infatti il led dall'alto, si può notare come la parte laterale del package non sia regolare ma squadrata da un lato: questa "squadratura" identifica il catodo (-). Nel caso dei led 3 mm, si rende necessario l'uso di un tester in quanto tale "segno" (se presente) non è quasi visibile.

Se si utilizza un tester, dopo aver selezionato la scala di resistenza con fattore 1 (X1), se si pone il puntale positivo sull'anodo e il puntale negativo sul catodo, il tester segnerà un valore di resistenza dell'ordine di qualche centinaio di ohm, nel caso il tester fosse un modello analogico con pila di alimentazione a 3 volt, se il led è efficiente, essendo polarizzato direttamente, il piccolo flusso di corrente che lo attraversa lo farà accendere, invertendo i puntali, invece, il tester non dovrà segnare alcuna continuità.

 

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

 LED. (4 febbraio 2010). Wikipedia, L'enciclopedia libera. Tratto il 17 febbraio 2010, 15:13 da http://it.wikipedia.org/w/index.php?title=LED&oldid=29805156.

 


 

You have no rights to post comments

I piu' votati

Ultimi annunci dal mercatino

Contenuto PrezzoCondizioneCittà Data

Kit AES per Frigo Dometic Serie 7 ( / Accessori)

Kit AES per Frigo Dometic Serie 7
Kit comprensivo di scheda, frontalino con manopole e cavo con connettore D+/S+ compatibile con i fri[...]
250.00 €
Spedizione
Usato
Erba (Como)
10-12-2017
da Monetrial
99 Hit(s)

Paraurti vecchio ducato 1993 ( / Varie)

nopic
Ciao a tutti, sto cercando un paraurti per il mio wingamm del 1993, vorrei sostituire il classico pa[...]
Consegna / trasporto
Usato
brescia
10-02-2017
da manovel
77 Hit(s)

pompa Shurflo 7L/m ( / Materiale per il fai da te )

pompa Shurflo  7L/m
vendo pompa acqua Lilie by Shurflo 12 volt - 7L/m - 1.4 bar - NUOVA. Acquistata per errata valuta[...]
50.00 €
Consegna / trasporto
Nuovo
busseto
09-15-2017
da bonfo74
152 Hit(s)

Cerca nel portale-

Iscriviti alla newsletter

Ultimi commenti

  • ELEVATORE MANUALE PER PARABOLA

    • Salvatore Apice Salvatore Apice 23.10.2017 14:04
      il motorino alza vetri di che auto era ? Grazie

      Leggi tutto...

  • PARABOLA "MANO ASSISTITA"

    • massimo massimo 22.10.2017 18:20
      bel lavoro, sarebbe utile qualche foto della preparazione del lavoro, materiali e ...

      Leggi tutto...

 

meteo

314061

bici

 

ultimi utenti

  • Dawkins
  • zeta53
  • Nardella
  • Quelo.it
  • ilavagni