logo giallo ombra2

la tua passione ar dado

 

entra facebook o

PORTE USB A VOLONTA'

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

leggi-faidate

Con l'avvento di smartphone, macchine fotografiche digitali etc, sul nostro vecchio (ma dignitosissimo!) CI Continental del 1992 era una continua lotta per accaparrarsi l'unica presa accendisigari per poter ricaricare la batteria del proprio apparecchio. Marito, moglie e figlio adolescente, ognuno col suo cellulare, lettore mp3, macchina fotografica, auricolare bluetooth...un inferno! Però tutti questi apparecchi hanno la caratteristica comune di poter essere ricaricati tramite porta USB. Stavo valutando l'idea di aggiungere una presa accendisigari supplementare, in cellula, ma credo di avere avuto un'idea migliore, seppur molto semplice ed economica: ho comprato in un market cinese alcuni adattatori accendisigari-USB ad un prezzo davvero basso: 2 euro quelli monopresa, e 2,5 euro quelli a due prese. Prima di tutto, li ho smontati ed individuati i due pin su cui saldare i fili positivo e negativo per l'alimentazione. Poi ho praticato i fori nei quali fissarli (nel mio caso, fresa a tazza da 22mm per quelli monopresa e da 30 mm per quelli biposto). PEr l'alimentazione, mi sono collegato al "passaggio" 12 V più vicino (per esempio la plafoniera nella mansarda). Ho poi fissato le prese nei fori con l'aiuto di un pò di Bostik. Siccome questi adattatori sarebbero stati sempre alimentati, e non mi piace molto vedere la cellula costellata di piccoli led sempre accesi, e tenendo conto anche del fatto che assorbono comunque un pò di corrente (avendo l'entrata a 12V e l'uscita a 5, obbligatoriamente consumano energia), ho deciso di aggiungere anche un piccolo interruttore per ogni presa (1,50 euro in un negozio di elettronica). In totale ho collocato 4 "punti-USB", per 6 prese complessive (una nel letto singolo, una in cabina, due in mansarda e due sopra la dinette). Ora finalmente non si litiga più per le prese accendisigari! (Mi scuso per la scarsa qualità delle foto)

foto 1-camperfaidate.it

FOTO 2-camperfaidate.it

FOTO 3-camperfaidate.it

FOTO 4-camperfaidate.it

FOTO 5-camperfaidate.it

FOTO 6-camperfaidate.it

BY : Quintomoro

alt

altAVVERTENZE  

You have no rights to post comments

Commenti   

0 #13 Juri 2015-09-18 14:05
bravo! bella idea Te la copierò! avevo installato una presa accendisigari sotto la dinette, ma le prese usb non bastano mai... (noi siamo 6!)
0 #12 manrico 2015-09-13 22:38
considerali già copiati :lol: ,una curiosità li hai messi sotto fusibile?
+1 #11 Max Righetti 2014-09-08 00:02
ottima l idea e anche la realizzazione... cosi non si portano più via gli alimentatori ...ne ho ovunque e quando servono non li trovi mai...
0 #10 Gianluca 2014-09-06 18:12
Ciao Peppe, nessun problema, molto volentieri, scrivimi email a (vale anche per gli altri eh!) Ciaooo!
+1 #9 Giuseppe 2014-09-06 16:22
Ciao Quintomoro,bel lavoro, sarei interessato alla realizzazione e ti chiedo se,per favore, potresti inviarmi qualche schemino o una descrizione dettagliata dei collegamenti? Grazie
+1 #8 Gianluca 2014-09-02 00:13
Dimenticavo...grazie dei commenti! Dopo anni passati a "rubacchiare" le vostre preziose idee e consigli utilissimi, finalmente mi sono deciso a pubblicare le mie....spero di essere stato utile !Lunga vita ai vostri motori!
0 #7 Gianluca 2014-09-02 00:10
BEh allora ribadisco di essere stato davvero fortunato: questo mio lavoro (pubblicato solo ora per pigrizia, lo ammetto...!), risale alla primavera del 2011, quindi sono circa tre anni e mezzo ormai...e le porte USB funzionano ancora perfettamente! Una l'ho montata pure sul Piaggio Liberty che porto sempre sul camper! Buoni km a tutti!
+1 #6 Lorenzo 2014-09-01 18:47
Concordo con pinodiroma: ottima idea!
Però anche io con quelli cinesi a basso costo ho avuto brutti risultati: ne ho avuti 2 ed entrambi si sono rotti dopo poche ore di utilizzo :sad:
Se farò anche io qualcosa di simile, userò caricatori un po' più "quotati".
Preferisco spendere qualche euro in più che poi trovarmi in braghe di tela nel momento del bisogno e poi dover anche rimettere mano al lavoro (spendendo poi altri soldi).
+1 #5 Gianluca 2014-09-01 14:33
Ciao Pino ! Davvero ti è capitato che scaldino a tal punto da fondersi ? Forse ti è capitato quello "sfortunato" : io uso questi adattatori ormai da 4 anni, mai avuto brutte sorprese. L'interruttore può garantire appunto una buona tranquillità, alimentandoli solo quando è realmente necessario. Buoni km e grazie del commento ! (grazie anche agli altri, ovviamente! )
+1 #4 pino 2014-09-01 11:19
l'unico appunto......sono gli accrocchi cinesi.... anche io avevo fatto una cosa simile ma hanno circuiti instabili e spesso scaldano un casino fino a fondersi. è successo a me.
+1 #3 Sandro 2014-09-01 02:32
Semplice e utile. Bravissimo
+2 #2 mario 2014-08-31 23:59
per fine settimana copiata complimenti
+1 #1 dino 2014-08-31 23:49
Complimenti semplice e non ci sipensa